Gabriele Di Vico: La voglia di cercare nuovi stimoli mi ha spinto verso il triathlon

Matteo SIMONE 

http://www.psicologiadellosport.net 

Lo sport è un’attività che attira tante persone, che permette di apprendere su stessi dall’esperienza e mettendosi in gioco, lo sport diventa un’occasione per sperimentarsi nella fatica raggiungendo obiettivi con il duro lavoro, la motivazione e l’impegno costante nel tempo. Di seguito Gabriele racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. 

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Qualche volta, un po’ per fortuna e un po’ merito, mi sono ritrovato in posizioni assolute di rilievo e, pensando al mio allenamento discontinuo, mi sono sentito un campione.” 

L’essere umano è sempre alla ricerca di nuovi stimoli per cercare dii cavarsela sempre, per testarsi, per apprendere dall’esperienza. 

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta? “Per me lo sport a livello agonistico è iniziato in età avanzata (20 anni) con il podismo, sebbene fossi già conscio di possedere buone doti nel fondo. Ho iniziato così a praticare il mezzofondo fino a circa 25 anni, per poi passare a distanze più lunghe. La voglia di cercare nuovi stimoli mi ha spinto verso altre discipline come il triathlon e naturalmente i suoi derivati.” 

Sono tanti gli ingredienti del benessere e della performance nello sport, bisogna essere motivati, attenti e focalizzati nell’esercizio dell’attività fisica, bisogna avere l’attrezzatura adeguata, soprattutto se si tratta di più discipline bisogna avere tempo a disposizione e saper combinare gli allenamenti senza stress e senza rischiare infortuni da sovraccarico. 

Quali fattori contribuiscono al tuo benessere e/o performance? “Allenamento, concentrazione e alimentazione.”  

Nello sport chi contribuisce al tuo benessere e/o performance? “Quando ho la possibilità di allenarmi con persone motivate e di livello simile al mio, riesco a migliorare le mie performance e raggiungere il benessere che l’attività sportiva riesce a regalarci.” 

Lo sport a volte permette la condivisione dell’esperienza con altri che se sono dello stesso livello diventa stimolante e sfidante e appagante. 

La gara della tua vita dove hai dato il meglio di te o hai sperimentato le emozioni più belle? “Sicuramente il primo Ironman a cui ho partecipato, a Nizza nel 2012.”  

La tua gara più difficile? “Tante, fatte in periodi di scarso allenamento, magari per cercare nuovi stimoli e concluse qualche volta con un ritiro.”  

Ritieni utile lo psicologo dello sport? “Non ho mai fatto ricorso ad uno psicologo di nessuna branca, se non per test o attività di studio, per cui non conosco l’efficacia delle terapie. Ma se fossero efficaci, allora per lo sport credo sarebbero fondamentali, perché mi rendo conto che la ricerca della prestazione crea scompensi psicologici.” 

La pratica dello sport aiuta a costruire una personalità in ottimo stato di salute fisico, mentale e relazionale, permette di sviluppare fiducia in se stessi e soprattutto resilienza per superare periodi di demotivazione, infortuni. 

Una tua esperienza che ti p dare la convinzione che ce la puoi fare? “Sono molto scaramantico ed abitudinario, quando la routine del pregara fila liscia, so che ce la farò.”  

Un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “Spesso, per motivi a volte diversi, mi alleno di nascosto. A volte al lavoro, per non ingenerare polemiche con colleghi; a volte a casa, perché se no la mia compagna rosica che io mi sono allenato e lei no; a volte per necessità, magari in una città nuova dove non trovavo una piscina per nuotare o era chiusa, ho scavalcato e mi sono intrufolato per “rubare” un’oretta di nuoto… anche in un paio di piste di atletica mi è successo.” 

Lo sport rende le persone più forti e in salute, rende le persone più efficaci e produttive nel lavoro e sviluppa progettualità e positività, diventa un importante orto da coltivare accanto a quello familiare e lavorativo. 

Quali sensazioni sperimenti facendo sport? “Le più varie, a seconda del tipo di allenamento e di come stia andando. Si spazia dalla frustrazione di un allenamento o gara che non va come dovrebbe andare, all’esaltazione di una prestazione inattesa.”  

Quali sono le difficoltà e i rischi? A cosa devi fare attenzione nel tuo sport? “Al di là dei rischi fisici di cadute o incidenti in bici, il rischio è quello di infortuni da sovraccarico. Anche il sovrallenamento è un problema per gli atleti a cui piace faticare.” 

Lo sport permette di sperimentare il ciclo della vita fatto di periodi di successi e insuccessi, vittorie e sconfitte, tensione e rilassamento. 

Quali condizioni fisiche o ambientali ti inducono a fare una prestazione non ottimale? “Durante le gare adoro le situazioni difficili, a patto che coinvolgano tutti gli atleti in gara. In allenamento soffro il caldo e il vento.”  

Cosa ti fa continuare a fare sport? “Me lo chiedo anch’io… Cioè uno sport per mantenere un certo benessere lo farei comunque per stare in forma e in salute e per divertirmi con gli amici, lo sport di endurance a livello agonistico non lo so perché.”  

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni? “Con il tempo.” 

Lo sport rende felici, avvicina persone, culture e mondi; lo sport diventa una palestra di vita, trasmette sani valori. 

Un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarsi allo sport? “E’ il divertimento più sano che esiste, sotto tutti i punti di vista.”  

Quale può essere un messaggio per sconsigliare l’uso del doping? “A livello professionistico tutti gli atleti dovrebbero battersi per poter gareggiare ad armi pari, loro dovrebbero essere i principali promotori di un antidoping serio, al di là di considerazioni morali e delle implicazioni sulla salute. A livello amatoriale la gara è contro noi stessi, doparsi vuol dire ingannarci, non ha senso!” 

Dietro all’atleta c’è un mondo di persone che sostengono, fanno il tifo, coccolano, tifano, si informano, criticano. 

Familiari e amici cosa dicono circa il tuo sport? “Mediamente le persone che frequento sono coinvolte anche loro nel mondo dello sport, quindi sono spontaneamente favorevoli e propense. Gli altri naturalmente pensano che io sia pazzo a sprecare così tante energie (e a volte anche salute) per un’attività più o meno fine a sé stessa.” 

Lo sport permette di approfondire la conoscenza di se stessi nel raggiungere obiettivi difficili e sfidanti con impegno, motivazione, costanza, determinazione. 

Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? “La mia resistenza a determinate condizioni, fisiche e psichiche.”  

Riesci a immaginare una vita senza lo sport? “Credo che vivere in modo dinamico sia uno sport anch’esso, quindi… no!”  

Hai mai pensato per infortuni o altro di smettere di essere atleta? “Ho pensato di smettere di fare gare, non di fare sport.” 

Nella mente degli atleti ci sono sempre gare sfidanti da partecipare per testarsi per mettersi alla prova, per sperimentarsi, per sfidare altri. 

Prossimi obiettivi? Mi piacerebbe continuare a essere un atleta master in grado di ‘giocarsela con gli atleti più giovani, specie con quelli che pensano di riuscire a raggiungere gli obiettivi con delle scorciatoie e con uno spirito non sempre sportivo. C’è bisogno che qualcuno un po’ più grande ogni tanto li rimetta in riga!” 

Matteo SIMONE 

Psicologo, Psicoterapeuta 

380-4337230 – 21163@tiscali.it 
http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm  

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...