Nunzia Patruno: L’esperienza più bella è stata la convocazione in Nazionale

Grazie all’ ultramaratona ho scoperto di avere un carattere forte  

Matteo SIMONE 

http://www.psicologiadellosport.net 

Quello che sperimentano tanti atleti e soprattutto tanti corridori di lunga distanza è che la corsa è terapeutica, è salutare, fa bene al fisico e alla mente, per tale motivo non si vuole smettere di fare sport, si cercano allenamenti e gare sempre più lunghe e difficili, per sperimentarsi, mettersi in gioco e star bene. 

Di seguito Nunzia racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. 

Un’esperienza che ti può dare la convinzione che ce la puoi fare? “L’esperienza che mi da la convinzione di farcela è la mia vita stessa, perché c’è l’ ho sempre fatta! E questo mi dà coraggio ad andare ancora avanti”. 

L’esperienza di vita aiuta ad accettare, affrontare, gestire e superare le situazioni più difficili da soli o in compagnia, sia nello sport che nella vita. Esperienze di riuscita e di superamento difficoltà, crisi e avversità incrementano l’autoconsapevolezza, la fiducia in sé e soprattutto la resilienza, sapendo pazientare e rimodulare obiettivi, piani e programmi. 

Cosa pensano familiari e amici della tua attività sportiva? “La mia famiglia è orgogliosa di ciò che faccio ed ho fatto. Certo, i miei figli si preoccupano un po’ ma gli amici, quelli veri, mi ammirano molto”. 

Nunzia non è da sola nella pratica dell’ultramaratona avendo al suo fianco un marito con la sua stessa passione ed è conosciutissima soprattutto in Puglia dove risiede per il suo trascorso di atleta della Nazionale di ultramaratona e per essere ancora in campo in gare cercando quando si può di andare a podio. 

Un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? “L’episodio divertente è quando alle gare partecipano persone travestite, questo avviene spesso, per portare allegria durante le gare; un altro episodio è vedere atleti gareggiare con il proprio amico a 4 zampe”. 

Se ne sentono e se ne vedono di tutti i colori in gare di corsa, maratona e ultramaratone, questo è il divertente, curioso e bizzarro mondo dello sport. 

A cosa devi fare attenzione nella pratica del tuo sport? “Nella pratica dello sport ora devo stare attenta a non esagerare. Infatti penso a divertirmi e a finire bene le gare e magari salire anche sul podio che fa sempre piacere”. 

Come ti vedi a 70 anni? “A 70 anni spero di vedermi ancora in salute e se Dio vuole correrò ancora per divertirmi, magari con un genuino agonismo”. 

Prossimi obiettivi? “In futuro spero di poter svolgere il mio hobby per più tempo possibile”. 

Lo sport come dà così toglie, bisogna essere consapevoli delle proprie risorse, capacità limiti e fare del proprio meglio per divertirsi e per eccellere ma senza troppe pretese, osando ma senza strafare per continuare a essere in campo anche avanti con gli anni. 

Hai rischiato di mollare? “A volte capita fi dover abbandonare una gara o per problemi fisici o per una questione psicologica”. 

Ritieni utile lo psicologo nel tuo sport? “Per quanto mi riguarda lo psicologo non serve perché la corsa in se per se e già terapeutica a livello psicologico. Correre  fa stare molto bene”. 

Le gare di ultramaratona sono molto difficili e sfidanti si tratta di percorrere tanti chilometri e a volte le condizioni fisiche, mentali, atmosferiche non sono al 100% e c’è il rischio di mollare o di non mollare nonostante dolori e problemi fisici. Bisogna conoscersi bene, capire quanto si può osare e quando è bene fermarsi. La corsa è terapeutica ma bisogna sapersi somministrare le giuste dosi e nei tempi giusti. 

L’evento sportivo dove hai sperimentato le emozioni più belle? “L’esperienza più bella, indubbiamente, è stata la convocazione in Nazionale”. 

Indossare  la maglia azzurra è il sogno di tanti, e quando il sogno diventa realtà le emozioni e le sensazioni sono uniche e intense da non dimenticarle mai. 

La tua situazione sportiva più difficile? “Una delle difficoltà maggiore a cui sono andata incontro è nelle gare in notturna dove il rischio di incorrere in ostacoli non visibili e quello di trovare animali è alto”. 

Le gare di ultramaratona permettono di fare esperienze intense attraversando luoghi in diversi momenti del giorno per la lunghezza della gara, capita di dover incontrare oggetti o essere viventi particolare ma è anche possibile avere deliri uditivi e visivi. 

Come hai superato  crisi, sconfitte, infortuni? “Le crisi le ho superate facendo esperienza sul campo, ricordando dove ho sbagliato. Cosi ho cercato di mettere tenacia nelle gare successive. Per quanto mi riguardo penso che le crisi arrivino e si superino con coraggio”. 

Lo sport mette a dura prova gli atleti, soprattutto nella corsa di lunga distanza dove è più probabile incontrare crisi e  a volte infortuni, l’esperienza sul campo aiuta a conoscersi meglio e a essere più sicuri e fiduciosi nel riuscire ad andare avanti o a risolvere qualsiasi situazione da soli o in compagnia. 

Un messaggio per avvicinare i ragazzi allo sport? “Ai giovani voglio dire che qualunque sport vogliano intraprendere, quella è la strada giusta per tenersi in forma. Non arrendersi perché i risultati arrivano sempre”. 

E’ difficile da ragazzi individuare uno sport che fa per se stessi ma bisogna provare e riprovare e all’inizio può essere duro, noioso, pesante, ma bisogna avere fiducia e insistere per ottenere risultati nel tempo senza fretta. 

Cosa hai scoperto di te stessa nello sport? “Grazie all’ ultramaratona ho scoperto di avere un carattere forte che senza dubbio mi ha aiutato molto anche nella vita. Mi ha dato il coraggio di andare avanti in ogni situazione proprio come in gara”. 

Ti ispiri a qualcuno? “Non mi ispiro a nessuno e la mia forza è quella di credere in me stessa”. 

Lo sport è una palestra di vita, l’ultramaratona è una palestra per sviluppare resilienza, ti mette di fronte a gare che sembrano impossibili ma si riesce a gestire tutto con fiducia e con tanta esperienza, ogni gara insegna qualcosa che poi serve nella quotidianità.  

Come hai scelto la tua squadra? “Per l’ idea proposta, creare una società nata da zero e creata da Enzo Cascella”. 

Grazie a tante persone come Nunzia, Enzo Cascella è riuscito a metter su uno squadrone di ultramaratoneti che hanno dato filo da torcere a tante altre squadre ottenendo risultati prestigiosi sia individualmente che di squadra. 

Nel mio primo libro “Psicologia dello sport e non solo”, edito da Aracne Editrice, riporto le risposte tratte da alcune videointerviste nel 2008 alla “100 km degli Etruschi” valida sia come campionato mondiale ed europeo sulla distanza di 100 km, sia come gara aperta ad atleti amatori e tra i partecipanti c’era anche Nunzia Patruno. 

http://www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/pubblicazione.html?item=9788854838833 

Capitolo 3 Paragrafo 4 Ultramaratoneti video intervistati dallo psicologo. 

Dalle risposte emerge che il correre per tanto tempo è un momento di libertà, è liberatorio rispetto ai problemi che lasciano a casa, è gratificante. 

Che significa per lei correre per 100 km? “Per le 24 ore che faccio è metà percorso, una passeggiata“. 

Cosa le permette la corsa? “Stare bene, avere soddisfazioni, mi ha gratificata molto perché ho avuto diverse presenze in Nazionale sia nella 100 km che nella 24 ore, mi gratifica tantissimo“. 

I filmati sono visibili su PSIC TV www.psic.tv la Web TV per la Psicologia e la Psicoterapia. Il video dura 17 minuti e 36 secondi, per caricarsi richiede circa una decina di minuti. 

Le video interviste sono riportate anche nel libro “Ultramaratoneti e gare estreme”, edito da Prospettiva Editrice. 

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=357&controller=product 

Matteo SIMONE 

http://www.psicologiadellosport.net 

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+simone+matteo.html