Gran Fondo “Le Strade Rosa”: Loretta Giudici 2^ assoluta e 1^ di categoria

Matteo SIMONE 

http://www.psicologiadellosport.net 

Il 25 aprile 2021 si è svolta a Castelnuovo di Farfa (RI) la seconda edizione della Gran Fondo “Le Strade Rosa”, gara ciclistica femminile di 92 km, la cui vincitrice è stata Sara Mazzorana, Bike Therapy, che ha preceduto con 8″ di vantaggio Loretta Giudici, ASD Anagni Ciclismo. Al terzo posto si classificano Simona Pagni e la collega amica psicologa Manuela Ansaldo, entrambe dell’ASD Picar-Blokko Racing Team. 

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Loretta attraverso risposte ad alcune mie domande. 

Come stai? “Molto bene grazie”.  

Soddisfatta? “Assolutamente sì”. 

Di questi tempi, dove la pandemia sta stravolgendo la vita di molte persone causando malessere e disagi non è scontato né stare bene e né stare in forma. Pertanto partecipare a una gara ciclistica e ottenere risultati da podio non può che essere che una grande soddisfazione e un segnale di ripartenza per ben sperare per il futuro in una vita ricca di sensazioni ed emozioni grazie anche allo sport che fa faticare in allenamento e in gara ma procurare sensazioni ed emozioni intense. 

Criticità durante il percorso? “Le macchine spuntate all’improvviso durante le discese tecniche”. 

E’ difficile avere tutto sotto controllo, quando si sta in equilibrio su una bici soprattutto se si è davanti nelle primissime posizioni e si vuol cercare di spuntarla su tutte magari in discesa lasciandosi andare con coraggio ma estrema attenzione a causa di imprevisti di qualsiasi natura a in particolare le auto guidate sempre più da persone che vanno di fretta. 

Quali sono le consapevolezze ora? “Aver dato il meglio della mia performance psicofisica soprattutto dal punto di vista mentale”. 

Per ottenere la performance nello sport sarebbe opportuno essere al meglio della forma on solo fisica ma anche mentale, si tratta di focalizzarsi per il compito e l’obiettivo sfidante tenendo a bada distrazioni e pensieri che possono essere considerate zavorra. 

Hai dovuto rimodulare piani e programmi? “Eh sì. Allo scatto della mia avversaria ho dovuto rispondere con prontezza e forza seminando il gruppo di testa”. 

Loretta è sembrata essere scaltra, pronta e reattiva grazie anche alla tanta esperienza accumulata nel corso di allenamenti e gare per poter saper affrontare, gestire, superare ogni imprevisti e/o azione di eventuali potenziali avversari. 

Sei ancora intenzionata a rincorrere i tuoi sogni? “Certamente”. 

Quali? “Per ora il ‘Blockhouse Marathon’”. 

Quando? “Il 9 maggio 2021”. 

Detto, fatto, non ho fatto in tempo a scrivere l’articolo relativo la sua vittoria che Loretta è già avanti a godersi la sua vittoria annunciata con consapevolezza, fiducia e resilienza. 

Infatti Loretta si è aggiudicata la Granfondo della “Blockhouse Marathon” precedendo Maria Parisi (Il Velocifero) e Federica Figliola (Mkg Cycling Team). 

Cosa dici della tua squadra e di chi ti sostiene? “Affidabili, premurosi, coerenti”. 

Come stai attraversando, gestendo, superando il periodo COVID? “Con la massima consapevolezza del momento e la bici mi è stata di grande aiuto”. 

La bici risulta essere un ottimo strumento per sviluppare resilienza in quanto fa comprendere come sia possibile restare sempre in equilibrio, come faticare in salita e nelle difficoltà per scollinare e poi godersi il panorama, la discesa, la tranquillità dopo la tempesta. 

Cosa diresti a Loretta di 10 anni fa? “Credi in te stessa, nelle tue potenzialità, nei tuoi sogni”. 

Ora sembra proprio che Loretta ci sta credendo, insegue con coraggio, preparazione e fiducia i suoi sogni che gradualmente si trasformano in realtà con podi e vittorie e tanto benessere psicofisico, emotivo e relazionale. 

Un messaggio per ripartire senza abbassare la guardia? “Rispetto per se stessi e per le norme anti COVID. Rafforzare e sostenere il proprio sistema immunitario”. 

Sei ancora disposta a faticare per ottenere risultati? “E’ la mia natura. Non conosco altre vie per ottenere ciò che desidero”.  

Per risolvere problemi e sconfiggere avversari è opportuno essere onesti e focalizzati verso l’obiettivo credendoci e applicandosi quotidianamente senza arrendersi senza mollare, senza abbandonare sogni. 

Cosa ti spinge a fare sport? “L’indole, il temperamento. L’ascolto verso se stessi è un’inclinazione naturale …non ne potrei fare a meno. Da una semplice passeggiata alla preparazione atletica…fa parte dei miei geni”. 

Cosa c’è dietro una gara? “Tanta testa. Tanto equilibrio. Tanto ascolto interiore”. 

Tra gli strumenti vincenti di Loretta c’è tanta introspezione, rispetto, ascolto, componenti umane che contribuiscono a portare il fisico a sforzi enormi. 

Quali sono gli ingredienti del successo? “La salute e l’energia, oggi più che mai. La perseveranza e la gratitudine verso se stessi e ciò che la vita ci ‘mostra’. La fede. La serenità mentale. La conoscenza e la coscienza di sé. Gli obiettivi e gli ideali di valore. L’autonomia e l’indipendenza finanziaria. Le relazioni amorevoli e il valore sociale. La soddisfazione personale”. 

Tanta roba. Ringrazio Loretta per questi utili consigli e suggerimenti, vere perle di saggezza, un grande tesoro per tanti. 

Matteo SIMONE 

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR 

380-4337230 – 21163@tiscali.it 

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html 

http://www.psicologiadellosport.net/eventi.htm 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...