Fabio Giancarli, Resia–Rosolina: Io la Resia Rosolina non la corro, la vinco 

Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podio 

Matteo SIMONE 

Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 10 settembre 2021 ore 04.00. 

La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di Somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. 

Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. 

Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. 

Ti aspettavi di vincere la staffetta Resia Rosolina? Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podio. Ma come in ogni viaggio condiviso bisogna fare i conti con tutte le variabili che caratterizzano ogni percorso umano

In realtà un po’ scettico lo era Fabio, forse in considerazione che l’anno precedente al Team Senza Paura, di cui facevo parte anch’io, è successo un po’ di tutto: atleta che si perdeva nel bosco, chip che volava nel lago, atleta che si è infortunato, insomma tutto contro il team ma i suoi componenti hanno deciso comunque di portare a termine l’impresa e riproporsi di ritornare più organizzati, attenti, preparati, comodi per prendersi la vittoria meritata. 

Criticità, difficoltà, rischi? Le criticità sono soprattutto legate alle forti personalità dei partecipanti che, pur essendo una squadra coesa, ci ricordano ogni giorno vissuto fino alla disputa della gara, quanto sia fondamentale sentirsi e ascoltare. La difficoltà più grande è meditare e mediare, raggiungendo strade condivise che mettono tutti d’accordo. Ovviamente il rischio più grande è trovarsi con i pezzi di un vaso rotto, difficile da compattare. È allora che bisogna lavorare per trovarsi dinanzi alla più grande opera astratta di tutti i tempi, dove ognuno col suo contributo tirerà fuori qualcosa di unico.  

 Un episodio curioso, divertente, triste, bizzarro in questa staffetta? Forse l’episodio che ha coinvolto un po’ tutti ma ha interessato due di noi in particolare, è stato un passaggio difficile di comunicazione tra questi atleti, spinto fino al quasi annullamento della gara stessa. È incredibile quante vite, scelte ed esiti, dipendano da un’incomprensione

Quali tue capacità, risorse, caratteristiche sono state determinanti? Mi sono scoperto resistente, più di quanto immaginassi. Erano più i segnali contrastanti che quelli a favore, eppure ho osservato, ho ascoltato, ho aspettato, dando al tempo un valore nuovo: quello del “non ancora è finita”

Soprattutto in questo periodo di pandemia, di confusione, di dissapori, di avversità, è difficile mettere insieme un gruppo di persone che non tutti si conoscono fra loro e anche se l’obiettivo è comune e condiviso si può far fatica a remare nello stesso verso, ma sta a gli altri essere bravi osservatori, pazienti, meditatori e mediatori e soprattutto resilienti facendo in modo che si trovino sempre compromessi ed equilibri per far sì che lo sport accomuni nella fatica e nel risultato di obiettivi sfidanti e ambiziosi. 

Cosa e chi ha contribuito alla vittoria? Mi sento di dire che il risultato è stato senza dubbio di tutti, di chi ci ha creduto, di chi voleva arrendersi, ma soprattutto di chi è riuscito a mettere da parte attriti personali per il raggiungimento dell’importante risultato, di Antonio, costretto a rinunciare e che ci ha sostenuto incoraggiato a distanza, di Serena che non ha potuto correre ma insieme a Federica, guide preziose, che con il loro costante contributo ci hanno accompagnato lungo tutto il percorso in bici. E in ultimo ma non meno importante il presidente Andrea che ci ha raggiunti in seguito, viaggiando da solo, pur di supportarci e migliorare la strategia

Una vittoria di squadra, ognuno con le proprie specificità, pregi e difetti, proprio talento, risorse caratteristiche, da chi ha corso a chi ha guardato da casa, da chi sosteneva e supportava in bici, da chi guidava e organizzava. Grande risultato del team, l’esperienza precedente è servita per apprendere e imparare a organizzarsi meglio con le donne in bici a sostenere e supportare gli atleti e che donne, Serena Natolini un’atleta nazionale di ultramaratona e Federica Gallo un atleta molto avventurosa e resiliente.  

Cosa pensano familiari, amici, colleghi di questa vittoria? Un sottile orgoglio ha attraversato un po’ tutti nel sentire chi condivide con noi atleti un percorso di vita. Un orgoglio per averli resi fieri di quanto ottenuto anche come ricompensa per sacrifici in ordine di tempo e fatica

Tanta fatica, tempo, pensieri, dubbi, criticità, avventure in allenamento e in gara per un risultato prestigioso individuale e di gruppo da condividere con chi è rimasto a casa, con chi si è messo da parte, con chi si era infortunato, con chi non ha potuto ma avrebbe voluto esserci in campo a lottare per il risultato finale, arrivando tutti insieme al traguardo per esultare, urlare, festeggiare, ballare, brindare. 

La rifaresti l’anno prossimo? È impegnativa come gara, ma non nascondo che mi solletica l’idea di rifarla, perché questa non è una competizione come le altre, ma è una lezione di vita fatta di tempi diversi non sempre facili, ma ricca di obiettivi raggiungibili

 Cosa hai scoperto di te stesso nello sport di squadra? Che sono un mediatore capace di restare fuori dalle polemiche pur partecipando alla risoluzione delle stesse, perché spingo le persone a dialogare…e che cos’è una squadra se non trovare e condividere un linguaggio comune con cui dialogare?

Si tratta di una gara podistica a staffetta molto difficile che attraversa diverse fasi e percorsi anche critici e a volete quando è finita ci si può chiedere ma come ho fatto a portarla a termine, come abbiamo fatto a continuare fino alla fine e ogni volta è una sfida sulla fatica e la condivisione dell’esperienza con altri in spazi stretti e con decisioni immediate da prendere. 

Una parola o una frase che ti rimane dopo questa impresa? “Si può sempre fare la differenza”…. Ecco in questa frase sento di metterci tutto: obiettivi, sforzo, fatica, passione, sacrificio, sudore e perché no, risultati ambiziosi……e poi permettimelo, lo slogan finale di tutti noi è stato “Perché io la Resia Rosolina non la corro, la vinco”. 

Il primo anno ci può stare che si gareggia per partecipare e cercare di fare una buona prestazione ma poi bisogna organizzarsi con la consapevolezza che si può vincere e una volta vinta si può confermare grazie all’esperienza fatta, così come Giorgio Calcaterra non correva la 1ookm del Passatore ogni anno, ma la vinceva ogni anno per 12 anni consecutivi. 

Prossimi obiettivi? Non perdere mai la voglia di averne sempre di nuovi (obiettivi)

Chiuso un capitolo se ne apre un altro con nuove consapevolezze e sfide continuando ad allenarsi con il gruppo Tor Tre Test Training guidato dal grande coach Italo Merolli, di cui facci parte anch’io anche se non con assiduità, ma ci sono. 

Matteo SIMONE 

Psicologo, Psicoterapeuta  
380-4337230 – 21163@tiscali.it  

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...