Correrò i 42,195km della maratona di Roma per Sport Senza Frontiere!

La mia 55^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/

 

Dopo la 6 ore di Lucera dove ho totalizzato 65km e dopo la Roma Ostia dove ho aderito all’iniziativa Run Happy grazie all’invito di Iolanda Cremisi, correrò la mia 55^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere per raccogliere fondi destinati al progetto Joy Summer Camp, il Camp Sportivo Estivo a vocazione sociale, che oltre ad ospitare i bambini e ragazzi vittime del terremoto del Centro Italia di quasi tre anni fa, ospiterà anche i bambini dei quartieri di Genova colpiti dal crollo del Ponte Morandi.

http://www.sportsenzafrontiere.it/news/2019/01/joy-2019-parti-con-noi/

IMG_7712-copia.jpgSport Senza Frontiere crede nello sport come un efficace strumento di cambiamento sociale e pertanto si adopera per garantire il diritto allo sport, renderlo accessibile a chi più ne ha bisogno, portarlo lì dove non c’è e diffonderne principi e valori. Cliccate qui per sostenere la mia iniziativa!

https://www.retedeldono.it/it/bdonations/49623

Continua a leggere

Annunci

Correrò la maratona di Roma per il progetto “Joy Summer Camp”

La mia 55^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/

 

Dopo la 6 ore di Lucera dove ho totalizzato 65km e dopo la Roma Ostia dove ho aderito all’iniziativa Run Happy grazie all’invito di Iolanda Cremisi, correrò la mia 55^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere per raccogliere fondi destinati al progetto Joy Summer Camp, il Camp Sportivo Estivo a vocazione sociale, che oltre ad ospitare i bambini e ragazzi vittime del terremoto del Centro Italia di quasi tre anni fa, ospiterà anche i bambini dei quartieri di Genova colpiti dal crollo del Ponte Morandi.

http://www.sportsenzafrontiere.it/news/2019/01/joy-2019-parti-con-noi/

c3d3ff2a-068b-4956-8a3e-fc27be37519e.jpgSport Senza Frontiere crede nello sport come un efficace strumento di cambiamento sociale e pertanto si adopera per garantire il diritto allo sport, renderlo accessibile a chi più ne ha bisogno, portarlo lì dove non c’è e diffonderne principi e valori. Cliccate qui per sostenere la mia iniziativa!

https://www.retedeldono.it/it/bdonations/49623

Continua a leggere

Campionati Italiani Indoor Master: Mario Di Benedetto argento salto in alto 1.50

La Sbarra & I Grilli totalizza 3.769 punti classificandosi al 28° posto assoluto

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net/

 

Ai Campionati Italiani Indoor Master di Società presso il PalaIndoor di Ancona svoltisi dal 22 al 24 Febbraio 2019 ha partecipato una rappresentativa dell’Atletica La Sbarra & I Grilli Runners capitanata dal presidente Andrea Di Somma.

52793118_10213154058741839_1821356542012686336_nIn tale occasione è stata notevole la prestazione di Mario Di Benedetto che torna a saltare come un ragazzo di un po’ di anni fa con un salto in alto di 1 metro e 50 (589 punti) che gli permette di salire sul secondo gradino del podio mettendo al collo una meritata medaglia d’argento.

Continua a leggere

Stefano Velatta vince la 6 ore di Lucera con 85km, record mondiale stagionale

Dovevo regalare un crono di prestigio a questa città che se lo merita

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Ancora una volta benvenuto al sud caro Stefano Velatta, in una terra di ultramaratoneti e precisamente in capitanata, nella provincia di foggia e precisamente a Lucera, sorridente cittadina alle pendici di un castello che si intravede dalla statale S.S. 89 che porta a Foggia e poi proseguendo si può arrivare a Manfredonia alle porte del fiorente Gargano.

53160393_2304421206549906_1217884478391713792_n.jpgC’ero anch’io in questa festa di ultramaratoneti, una gara di 6 ore su un circuito di 1km da fare tante volte fino alla scadenza delle 6 ore messe a disposizione dall’organizzazione, il vincitore è stato proprio l’invitato n. 1 con il pettorale n. 1 il campionissimo Stefano Velatta che è venuto dal Nord d’Italia e precisamente da Biella per onorare questa splendida gara organizata dal conosciutissimo uomo immagine Domenico Martino e dalla società Lucera Accademy.

Continua a leggere

Nel libro “Lo sport delle donne” anche Cecilia Polci e Maria Chiara Parigi

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Tante le donne che amano correre libere nella natura, tra le tante ho avuto modo di conoscere personalmente la campionessa Maria Chiara Parigi (3^ al Campionato del Mondo) al raduno premondiale della nazionale italiana ultratrail presso la splendida località di Badia Prataglia nei pressi di Bagno di Romagna, successivamente ho rivisto la Maria Chiara in occasione del grande trail dei Monti simbruini dove ha vinto la lunghissima gara femminile di 84 km.

12106706_10206704513666037_7423955076881478161_nInoltre ho avuto modo di contattare la sua concittadina, simpaticissima Cecilia Polci che tanto stima Maria Chiara, e a quest’ultima attribuisce il merito della sua passione per i trial.

Continua a leggere

Rete del Dono – 42km di corsa per Sport Senza Frontiere!

Correrò la mia 52^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere

Matteo SIMONE

https://www.retedeldono.it/it/bdonations/49623

 

Cari amici, vorrei condividere con voi un progetto ambizioso per celebrare un’occasione davvero speciale. Cliccate qui per saperne di più e sostenere la mia iniziativa!

https://www.retedeldono.it/it/iniziative/sport-senza-frontiere/matteo.simone/42km-di-corsa-per-sport-senza-frontiere

50330827_10213915605748464_6489757835511988224_nCorrerò la mia 52^ maratona/ultra per Sport Senza Frontiere che crede nello sport come un efficace strumento di cambiamento sociale e pertanto si adopera per garantire il diritto allo sport, renderlo accessibile a chi più ne ha bisogno, portarlo lì dove non c’è e diffonderne principi e valori.

Continua a leggere

Venerdì 8 marzo ore 18.30 presentazione del libro “Lo sport delle donne”

Bar “Caffettiamo?” (Via Olevano Romano 35 – Roma) – ingresso gratuito

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=425&controller=product

 

52029173_10213135221470919_4173854823185121280_nVenerdì 8 marzo, alle ore 18.30, presso il Bar “Caffettiamo?” (Via Olevano Romano 35 – Roma), verrà presentato il libro “Lo sport delle donne. Donne sempre più determinate, competitive e resilienti” di Matteo Simone. Modera: Alessandra Penna, ingegnere e atleta; Intervengono: Francesca Boldrini (Podistica Solidarietà), Elisa Tempestini (Associazione “Spiragli di Luce”), Anna Giunchi (Psicologa, Preparatore atletico, Blogger http://annalamaratoneta.blogspot.com/), Cecilia Polci (nel 2015 campionessa italiana trail under 30).

52783885_10213134468252089_6644822389873967104_nUn libro che descrive donne che scoprono lo sport e che grazie allo sport diventano sempre più determinate e resilienti fino a sfidare uomini; alcune vincono gare classificandosi prima degli uomini. Ringrazio tutte le donne che hanno collaborato alla stesura del libro con loro testimonianze e racconti.

Nel testo è riportata un’intervista ad Alessandra Penna di cui riporto una significativa testimonianza. Come ha contribuito lo sport al tuo benessere e alla tua performance? “Lo sport mi fa sentire sempre bene, dopo una giornata stressante, un allenamento mi rende sempre felice e mi dà una bellissima sensazione di benessere. Lo stesso quando gareggio, la stessa preparazione della gara mi rende entusiasta e tutte le emozioni che ogni volta provo e il divertimento con gli amici mi spingono a voler raggiungere sempre nuovi piccoli traguardi personali.” Continua a leggere

Cosa c’è dopo una gara? Un fiume di emozioni

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Cosa c’è dopo una gara? Un fiume di emozioni dopo tanti allenamenti per la preparazione; dopo tante incertezze se fare questa o un’altra, ma l’importanza è l’esperienza che si porta a casa, tanti incontri, abbracci, sorrisi. Un obiettivo, una sfida, una pianificazione minuziosa, un’attenzione al minimo dettaglio. Incontri, confronti, tensioni, pressioni. Una parte importante di vita, esperienze uniche, dense, forti, intense. Paure, insicurezze, nuove consapevolezze.

51991344_10213071208870644_4994828742254657536_nDopo la gara ci sono i saluti, i congedi, i commenti, le sorprese, i risultati, si ritorna alla quotidianità, si danno appuntamenti per altre gare a partire dall’indomani.

Lo sport aggrega, rende felici, permette di prenderti cura di te stesso, di sperimentare benessere e di raggiungere gradualmente obiettivi importanti. Lo sport diventa una medicina naturale per il corpo e per l’anima, si tratta di volersi bene facendo sport e apprezzarsi per quello che si riesce a fare. La prima sfida è iniziare il processo di cambiamento.

Continua a leggere

Venerdì 8 marzo alle ore 18.30 verrà presentato il libro “Lo sport delle donne”

Presso bar Caffettiamo (Via Olevano Romano 35 – Roma) l’ingresso è gratuito

http://www.prospettivaeditrice.it/index.php?id_product=425&controller=product

 

Venerdì 8 marzo alle ore 18.30 Presso bar Caffettiamo (Via Olevano Romano 35 – Roma) verrà presentato il libro “Lo sport delle donne. Donne sempre più determinate, competitive e resilienti” di Matteo Simone. Moderatrice dell’evento sarà l’ingegnere e atleta Alessandra Penna, inoltre saranno presenti, per testimoniare le loro esperienze descritte nel libro, le atlete Francesca Boldrini, Elisa Tempestini, Anna Giunchi, Cecilia Polci.

51781252_10213063112148231_88451174969114624_nStralcio della prefazione di Vincenzo Prunelli: Ha senso continuare a credere la donna fragile, arrendevole, da proteggere, incapace di grosse prestazioni? Leggendo il libro dell’amico Matteo Simone, è il caso di dire di no. Fa parlare grandi atlete, ma il messaggio è rivolto a chiunque nella vita non si accontenti di limiti troppo stretti. Sono grandi atlete, ma lo sono diventate perché lo hanno deciso. Lo sport di cui si parla è benessere, rapporto con la salute, scoperta della misura di sé, momento e mezzo di partecipazione e comunicazione, in cui ognuno scopre ciò che ha di potenziale, gioca con i mezzi che possiede e ottiene il massimo dalle proprie possibilità, tante o poche che siano.”

Continua a leggere

Aurelia Rocchi: Non smetterò mai di essere una ultramaratoneta

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Il mondo delle ultramaratone permette di incontrare e conoscere tanta gente, tante persone speciali e straordinarie che si mettono in gioco in questo sport di fatica. Di seguito, Aurelia racconta la sua esperienza sportiva rispondendo ad alcune mie domande di un po’ ti tempo fa: Cosa significa per te essere ultramaratoneta? “Per me essere una ultramaratoneta vuole dire ess ere grande, forte.”

 

51682673_2733187403572556_3135721348970577920_nAurelia ha scoperto anche il mondo degli atleti con disabilità visiva del progetto Achilles International Roma e si sperimenta come guida sia in allenamento che in gara, a disposizione degli altri ma arricchendosi con l’esperienza fatta. Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta? Il mio percorso è stato molto, molto duro e vedendo che posso lottare con me stessa mi dà tanta forza.”

 

Continua a leggere