Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia? Approfitta running e turismo

Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia? Approfitta running e turismo

Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Conosci la Puglia? Il Gargano? Manfredonia?

Manfredonia sempre più città dello Sport, non mancare il 17 settembre 2017, si disputerà la 1^ Re Manfredi Run, Memorial Gen. Michele De Finis. Save the date, porta amici e famiglia, sport e cultura da non perdere.

2,2.pngLa gara è valida come 8^ Tappa CorriCapitanata 2017, nonché Campionato Provinciale Master 10km e anche sarà Trofeo AVIS, un percorso di 10 km con unico giro.

Gara organizzata dalla Società ASD Manfredoniacorre, FG295 (Responsabile Organizzativo: Gianni di Bari, 335 1830885) e il Parco Nazionale del Gargano, con il Patrocinio del Comune di Manfredonia, in collaborazione con AVIS Manfredonia e con l’Associazione Nazionale Carabinieri di Manfredonia Sez. Gen. Castriotta, con l’approvazione tecnica del Comitato Provinciale FIDAL Foggia. Ritrovo ore 08.00 in Piazza Falcone e Borsellino (nei pressi del Porto turistico Marina del Gargano) con partenza alle ore 09.30.

Le iscrizioni dovranno essere effettuate entro le ore 24.00 del giorno 14 settembre 2017 esclusivamente sul sito www.correreinpuglia.it. Non sarà consentito in nessun caso effettuare iscrizioni, cancellazioni e sostituzioni OLTRE LA DATA DI CHIUSURA DELLE ISCRIZIONI. All’atto delle iscrizioni, gli atleti che intendono concorrere al Trofeo AVIS, devono indicare nella sezione “NOTE” della pagina ICRON, il numero di Tessera AVIS e la sede AVIS di riferimento. Continua a leggere

Annunci

Transumanza Anzio -Jenne: Emozioni uniche che ripagano la fatica condivisa

Transumanza Anzio – Jenne: Emozioni uniche che ripagano la fatica condivisa

Matteo SIMONE

 

Lo sport regala emozioni uniche che ripaga la fatica condivisa e dove si sperimenta un mondo partecipando a manifestazioni ed eventi come ad esempio la transumanza da Falasche Anzio a Jenne un percorso di circa 110km che una volta si faceva dal mare ai monti mentre ora podisti ripercorrono queste strade correndo a frazioni di alcuni km per ricordare, per riportare a memoria antiche tradizioni, per rimarcare la fatica di una volta per un benessere comune, uomini e animali, per dimostrare che lo sport avvicina mari e montagne, persone, culture e mondi, per dimostrare che attraverso lo sport si conoscono nuove persone, avvengono incontri e confronti, per dimostrare che insieme si può arrivare ovunque, per dimostrare che lo sport abbatte muri e barriere anche generazionali, per dimostrare che lo sport ti rimette al mondo facendoti faticare con i più giovani, per notare la ciclicità della vita come nello sport, partenze e arrivi, fatica e poi recupero e riposo con musica e canti per alleviare stanchezza e fatica, per renderci più leggeri.

20882238_1944776585766239_4607562885202335724_n.jpgQuesto è lo sport che vogliamo, qualcuno organizza e nel caso della transumanza si tratta di Ivano Caronti con il supporto della sua famiglia e dei suoi amici, e altri si aggregano fidandosi e affidandosi, diventando un gruppo capace di raggiungere obiettivi e mete le più lontane e sfidanti e portando a casa valigie interne ricche di esperienze e sensazioni forti, intense e positive.

Continua a leggere

Lomuscio: E’ stata una grande gioia tagliare il traguardo insieme a te

Eligio Lomuscio: E’ stata una grande gioia tagliare il traguardo insieme a te

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

Questo è lo sport che vogliamo, fatto con vero cuore, non solo testa e gambe, ma presenza e veri incontri di persone, culture, mondi, belle le parole di Eligio che valgono più di qualsiasi premiazione o record: “CARISSIMO MATTEO ti voglio dire grazie di cuore, per avermi fatto una grande compagnia negli ultimi km della gara di corrimonte, quando da lontano ti ho visto arrivare sono stato molto felice, mi sono tornate tutte le forze ed è stata una grande gioia tagliare il traguardo insieme a te, ti ringrazio ancora tantissimo e spero di rivederti più spesso carissimo amicoooooooooooooo.”

20622034_10209567092509925_4458309372914755489_nBasta poco rendersi felici von lo sport, basta la fatica e soddisfazione condivisa, basta fidarsi e fidarsi, il resto viene da se, il piacere di continuare fino alla fine con serenità

Eligio Lomuscio, grande uomo di sport, nominato senatore della maratona di Roma per averle corse tutte dal 1995 al 2017 ed ancora intenzionato a correrla ogni anno. Ho avuto modo di conoscerlo in occasione di un gemellaggio di camminatori Manfredonia Barletta, si racconta attraverso la seguente intervista.

Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Sì, all’arrivo della 21^ maratona di Roma quando prima dell’arrivo sono stato raggiunto dal grande GIORGIO CARCATERRA che aveva fatto per ben 2 volte la maratona. Ci furono grandi festeggiamenti per GIORGIO che aveva fatto 2 maratone di seguito e per me che ero riuscito a portare a termine ancora una volta la 21^ maratona di Roma, da ricordare che io, insieme ad altri 30 atleti siamo stati nominati SENATORI DELLA MARATONA DI ROMA per aver portato a termine tutte le edizioni della maratona di Roma.” Continua a leggere

Nuove guide sono gradite per continuare lo sport che vogliamo

Matteo SIMONE

 

Gruppo sempre più nutrito e rinnovato, alla scoperta di nuove modalità di fare sport e mettersi in gioco al parco degli acquedotti, niente ferie, si continua lunedì e giovedì 18.45 circa per sperimentarsi come corridori o camminatori non vedenti e ipovedenti e guide che vogliono provare un nuovo modo di fare sport con persone speciali, together is much better, questo è lo sport che vogliamo, senza stress, senza competizione ma con la voglia di migliorare e apprendere dalla palestra dello Sport che aiuta a vivere con nuove consapevolezze, fidandosi e affidandosi.

20621997_265842097251304_5799806638261318282_nPer ottenere qualcosa bisogna crederci, essere consapevole delle proprie capacità e limiti, impegnarsi duramente, essere determinato, mettere in conto infortuni, avversari più forti, sconfitte e momenti bui, rialzarsi sempre e ripartire sempre con pazienza, senza fretta, con modestia e umiltà, rispettando gli altri e vivendo sempre l’esperienza che dà frutti importanti da portare a casa serenamente, fidarsi e affidarsi, questo è lo sport che vogliamo

Continua a leggere

Lo sport che ti fa sempre rialzare, ti rimette sempre al mondo

Matteo SIMONE

 

Lo sport che ti fa diventare più produttivo e propositivo al lavoro; lo sport che ti fa divertire e che ti fa trovare tempo libero per dedicare a te stesso perché la vita è ora e non quando vai in pensione.

20620934_10209571575541998_1048049331115745787_nLo sport come stile di vita, come educazione al rispetto di regole e di persone che siano compagni di squadra o avversari; lo sport che ti fa elaborare situazioni e pensieri, ti fa scaricare energie e stress, ti apre il cuore e la mente.

Continua a leggere

Approfondire la motivazione degli ultramaratoneti a spingersi oltre

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

Partecipare e portare a termine gare lunghissime e considerate estreme aiuta anche nella vita privata ad accrescere l’autostima ed a superare problemi e difficoltà quotidiana, è quello che accade per esempio a Filippo Poponesi: “Raggiungere traguardi sempre più ambiziosi ha contribuito, nel tempo, ad accrescere l’autostima ed a rendermi più forte nell’affrontare i problemi del quotidiano.”

20258354_10209460692930002_5194547218783166198_nHo cercato di approfondire la motivazione degli ultramaratoneti a spingersi oltre con la domanda: “Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta?” Alcuni fanno queste imprese anche per motivi solidali, è il caso di Gustavo Ismail: “La solidarietà per aiutare i bambini che non hanno il latte in casa ed ogni chilometro che corro equivale a casse di latte che la gente mi dona. (Causas Solidarias para ayudar a niños que no tienen su leche en la casa y cada Km que corro equivale a cajas de leche que la gente va donándome para entregar).”

Continua a leggere

Ruggiero Graniero: Prossimo obiettivo organizzare un raduno, un Walking Day

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net

 

A Barletta la sera si cammina con gli Amici del Cammino, ho conosciuto Ruggiero Graniero in un’occasione di una camminata da lui organizzata a Barletta. Di seguito Ruggiero racconta la sua esperienza di atleta ed in particolare di camminatore rispondendo ad alcune mie domande.

20620814_265875080581339_1433031327971275351_nQual è stato il tuo percorso nella pratica dell’attività fisica? “Ho iniziato a giocare a calcio, poi ho smesso causa lavoro e ho iniziato un po’ di anni dopo a correre.”

Quali sono i fattori che hanno contribuito al tuo benessere e/o performance? “Per correre sono dimagrito quindi mi sentivo meglio anche con me stesso.”

Qual è una tua esperienza che ti possa dare la convinzione che ce la puoi fare? “Ho fatto la 100 km del passatore.” Continua a leggere

Massimiliano De Luca, 100km Passatore: Se non usi la testa non la finisci la gara

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/

 

Il pensiero di tanti runner che hanno fatto la maratona è passare un giorno alla 100km, fare un giorno nella vita una gara di 100km e perché no il Passatore a fine maggio, e così che due atleti, della società Podistica 2007 Tor tre teste, decidono insieme di prepararsi per questa grande avventura, Alessandro Reali e Massimiliano De Luca, together is much better.

IMG_20170528_212717 (2).jpgDi seguito Massimiliano racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.

Gara di 100km del Passatore, cosa significa per te? “Questa gara era un sogno inarrivabile. Una sfida solo per me stesso. Volevo vedere cosa c’era oltre la fatidica soglia dei 42 km, cosa si prova a spingersi oltre quella distanza. Ho parlato spesso con persone che l’avevano corsa questa gara, ma come la maggior parte delle cose nella vita, le devi provare sulla tua pelle. Ciò che mi ha spinto a farla è stata la curiosità di mettere alla prova tutto me stesso.”

Continua a leggere

Patrizia Losacco: La mia prima 21 km “le Cattedrali” è il ricordo più euforizzante

Matteo SIMONE

 

E’ un’esperienza di tanti lo scoprire lo sport e tutto quello che significa, cioè essere più autonomi e autoefficaci, pensare più a se stessi, farsi del bene da soli, svagare e divertirsi con i compagni di avventura, ritagliarsi del tempo oltre a quello dedicato al lavoro e alla famiglia. Scoprire sempre più se stessi, le proprie capacità, il proprio modo di essere e di fare.

20424321_1515125568531050_949787340642793471_o.jpgDi seguito Patrizia racconta la sua esperienza di atleta rispondendo a un mio questionario.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un Atleta, qual è stato il primo sport che hai praticato, com’è stato il passaggio agli altri sport? “Ho sempre amato lo sport, volevo diventare insegnante di educazione fisica, il primo sport praticato è il basket, il passaggio agli altri è stato per pura curiosità, in questo momento solo running.” Continua a leggere

Lorena Brusamento vince la 100km Asolo running, la più dura d’Europa

Matteo SIMONE

 

Si è corsa ad Asolo la 7^ edizione della 100km ritenuta una delle più dure di Europa e i vincitori sono stati il giovane Enrico Maggiola in 08h12’48” e Lorena Brusamento 10h16’54”. Oltre al vincitore solo il secondo e il terzo classificato hanno impiegato meno di 10 ore, Spiga Pablo 9h45’16” e Morstabilini Luca 9:55:16. Ottime le prestazioni del 4° e 5° classificato, entrambi della categoria M55, Cattelan Franco 10h09’14” e Barichello Gastone 10h13’22”.

IMG-20170721-WA0004Al secondo e terzo posto della classifica femminile salgono sul podio Caraffa Braga Silvia 10h26’06” e De Stefano Daniela 10h37’47”. Gli atleti arrivati sono stati 182 di cui 143 uomini e 39 donne. Da rilevare la prestazione di un atleta classe 1941, Zanon Gianfranco 17h24’07” e le prestazioni delle ragazza più giovane La Serra Alessia, classe 1989, in 12h59’03”.

Continua a leggere